VEDI TRAILER

Pinocchio

di Matteo Garrone

Con Roberto Benigni, Marine Vacth, Marcello Fonte, Davide Marotta, Rocco Papaleo, Federico Ielapi.

Titolo originale Pinocchio. Fantastico (colore). Durata min. Italia (01 Distribution)

Pinocchio

Prevendite: https://www.bigliettoveloce.it/index.php?r=frontend%2Fsite%2Fsala&id=810

Scritta dal Carlo Lorenzini detto Collodi, la storia del pestifero burattino di legno che voleva diventare un normale bambino come gli altri la conosciamo praticamente tutti; tanto più che, dopo l’invenzione delle immagini in movimento, ha avuto non poche volte modo di finire sullo schermo, dal mediometraggio muto “Pinocchio”, firmato nel 1911 da Giulio Antamoro, a un film d’animazione proposto quasi cento anni più tardi da Enzo D’Alò.
Tutte versioni che, in ogni caso, non reggono affatto il confronto con la insuperabile mini-serie televisiva “Le avventure di Pinocchio”, interpretata nel 1972 da Nino Manfredi sotto la regia di Luigi Comencini e della quale, a tratti, in questa rilettura a cura di Matteo Garrone sembrano essere emulate le mitiche musiche che vennero composte da Fiorenzo Carpi.

Una rilettura che sfrutta il trucco classico alla vecchia maniera per poter trasformare Federico Ielapi nel piccolo protagonista, il cui creatore/babbo è il falegname Geppetto incarnato da un Roberto Benigni che non esita ad adattare al personaggio la propria personale maniera di far ridere.
Soltanto il primo grande nome di un importante e decisamente in forma cast che, oltre a Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini calati nei panni dei truffaldini Gatto e Volpe, include Alida Baldari Calabria e Marine Vacth in quelli della Fata da bambina e da adulta, il Davide Marotta di “Phenomena” nel doppio ruolo del Grillo parlante e di un burattino e un Gigi Proietti Mangiafuoco.
Senza contare Teco Celio che, nascosto dietro le scimmiesche fattezze del giudice del Palazzo di giustizia, non solo sembra lanciare una frecciatina all’Italia nell’affermare “In questo paese gli innocenti vanno in prigione”, ma provvede anche ad alimentare la varietà di individui dai connotati animaleschi atti ad aumentare il fantastico clima da fiaba.

Una fiaba mirata, come di consueto, a delineare il percorso di crescita verso la maturità e che l’autore di “Dogman” non manca neppure di infarcire con una mutazione in asino dagli echi provenienti in maniera evidente da quella licantropia vista in “Un lupo mannaro americano a Londra” di John Landis.
Del resto, man mano che, in maniera curiosa, sono diversi accenti – dal toscano al napoletano – ad avvicendarsi durante lo svolgimento, non risultano assenti toni dark dispensati dalla splendida fotografia a cura di Nicolaj Bruel nel corso delle oltre due ore di visione.

Oltre due ore di visione che, visivamente affascinanti grazie anche al fondamentale apporto del lodevole lavoro svolto dai reparti scenografici e dei costumi, non hanno nulla da invidiare, per quanto riguarda la resa stilistica, a molto più costosi blockbuster d’oltreoceano.
Finendo, però, dopo una convincente partenza, per rischiare più volte d’infiacchirsi narrativamente con l’avanzare dei fotogrammi; tanto da rimanere uno spettacolo sorprendente sì per gli occhi, ma non molto per il cuore, in quanto piuttosto freddo e difficilmente capace di regalare emozioni autentiche.

UNA FAVOLA CHE INCANTA GLI OCCHI E SI AVVICINA A COLLODI CON AMORE, DEVOZIONE, ENORME RISPETTO.

Recensione di Paola Casella

Ci sono tutti, i personaggi principali del romanzo di Collodi, nel Pinocchio di Matteo Garrone: Geppetto e il suo burattino di legno, Lucignolo, Mangiafuoco, la Fata Turchina, il Grillo Parlante, il Gatto e la Volpe, fino all’Omino di burro, il Tonno e la Balena. Perché questo ennesimo adattamento cinematografico di una delle favole italiane più note nel mondo è enormemente rispettoso dell’originale, come già era stato Il racconto dei racconti al testo di Gianbattista Basile.

C’è una cura devota nella ricerca delle facce giuste, negli scenari che chiunque abbia letto Pinocchio ha immaginato, nei dettagli dei costumi, del trucco (impressionante il legno con cui è costruito il bambino), degli effetti speciali artigianali, come lo erano stati ne Il racconto dei racconti, e utilizzati con grande parsimonia, ovvero solo quando narrativamente necessari.

In questa cura c’è tutto l’amore e la reverenza che Garrone ha verso il testo di Collodi, il suo perfetto equilibrio nel dosaggio degli elementi narrativi e nella caratterizzazione di personaggi che sono diventati archetipi, verso quell’ingranaggio drammaturgico che vede il percorso di iniziazione alla vita di un burattino che sogna di diventare un bambino (e dunque un uomo) vero dipanarsi per corsi, ricorsi e inciampi, sempre due passi avanti e uno indietro, con un andamento ad elastico sempre pronto a ritornare bruscamente al punto di partenza, proprio quando sembrava così vicino al salto evolutivo.

Gli interpreti son perfetti: Benigni trattenuto e straziante (come già il Nino Manfredi del Pinocchio televisivo di Luigi Comencini), il piccolo Federico Ielapi minuto ma tosto, sempre in equilibrio fra intraprendenza e desiderio di appartenere, disobbedienza e lealtà.

E poi Massimo Ceccherini e Rocco Papaleo, nati per diventare la Volpe e il Gatto, Gigi Proietti credibilissimo come il burbero Mangiafuoco dallo starnuto facile, le due fatine (bambina e adulta) Alida Baldari Calabria e Marine Vacht, la prima compagna di giochi (e marachelle), la seconda mamma e Madonna; il grillo parlante Davide Marotta. Standing ovation per Maria Pia Timo (la Lumaca), Enzo Vetrano (il Maestro) e Nino Scardina (L’Omino di burro).

Programmazione film
Frontone Cinema all’aperto - Borgo XX Giugno, 06122 Perugia
SPETTACOLI del 12 luglio
domenica 12
  • 21:30