VEDI TRAILER

Ema

di Pablo Larraín

Con Mariana Di Girolamo, Gael García Bernal, Santiago Cabrera, Mariana Loyola, Giannina Fruttero Catalina Saavedra.

Titolo originale Ema. Drammatico (colore). Durata 102 min. Cile 2019 (Fabula)

ANTEPRIMA NAZIONALE con selezione di film omaggio a Pablo Larrain - sabato 13 giugno alle 21 con Pablo Larrain
Ema

Per vedere il film: www.miocinema.it/film/ema/

Ema è fuoco che brucia, Gastón il focolare che lo contiene. Lei è una ballerina, lui il suo coreografo. Insieme hanno adottato Polo, insieme hanno fallito la sua adozione. Incapaci di gestire i suoi traumi, lo hanno ‘restituito’ ai servizi sociali e adesso navigano a vista tra rimorsi e accuse. Ema vuole il divorzio e si rivolge all’avvocato che ha accolto Polo dopo il loro fallimento. La donna, ignara delle reali intenzioni di Ema, se ne innamora come il marito, un pompiere avvenente sedotto dopo l’incendio doloso della propria auto. Perché Ema ha un piano e niente può fermarla.

“Separate una madre da suo figlio e funzionerà sempre”, diceva Riccardo Freda, autore ‘per tutti i generi’. Il regista italiano sosteneva che il melodramma fosse la maniera del cinema di ‘volgarizzare’ la tragedia, provocando nello spettatore una forma di piacere nel dispiacere. A lungo, e sovente a torto, questi women’s pictures costrinsero le loro eroine dolenti in una condizione di sottomissione e di rassegnazione masochista, almeno fino alle produzioni di John M. StahlKing Vidor o Douglas Sirk che invertirono la rotta e l’ideologia, prima della lettura pessimista di Rainer Werner Fassbinder e delle deflagrazioni sentimentali di Todd Haynes.

Pablo Larraín realizza un film radicalmente diverso dai precedenti e imprime al melodramma una concezione dell’amore contemporanea (la fluttuazione delle identità di genere), affrancando i sentimenti della sua eroina da qualsiasi senso di colpa e abbandonandola al vacillamento dei sensi e dello spirito.

Autore concettuale, Larraín concepisce la messa in scena come una sperimentazione sul linguaggio, raccontando la storia di una coppia come un flusso di coscienza che si esprime con la luce, i colori, la musica che sale e rifluisce in onde successive seguendo gli slanci amorosi dei personaggi. Larraín continua a interrogare quello che accade intorno a lui alla ricerca di una verità invisibile nella società cilena contemporanea. E niente come il melodramma illustra in maniera altrettanto esemplare il cuore di una nazione e la costruzione sentimentale e sociale dei sessi. Più interessato a sollevare domande, piuttosto che a diffondere o sostenere idee, le sue immagini astratte traducono la ristrutturazione singolare di un ménage familiare abitando sentieri inediti e sconosciuti.

Ema lascia fuori campo la cronaca sentimentale di una diade messa alla prova da un’adozione e si concentra sulla crisi coniugale e il riallineamento delle dinamiche individuali e familiari. L’assestamento si trasforma con Larraín nella coreografia di un corpo elastico e sincopato che esercita una forza di attrazione e allarga gli orizzonti familiari. Sullo sfondo di Valparaíso, ‘accesa’ col lanciafiamme, il regista cileno sperimenta con la sua protagonista nuove forme espressive, codici relazioni e modelli familiari, aggirando il destino del mélo, trascendendone i codici tradizionali e concependo una nuova (forma) di vita.

Programmazione film
Nuovo Cinema Méliès - Via della Viola, 1 - 06122 Perugia
DAL
5 luglio